Inizia A Mangiare Carboidrati Bassi Per Essere Sani E Magri

I carboidrati – presenti in cereali, pane, pasta e zucchero, nonché verdure, frutta, tofu, fagioli e latticini – forniscono al corpo il combustibile più efficiente per la produzione di energia e l’attività cerebrale. Sono nutrizionalmente essenziali, un principio attualmente minimizzato dalla mania dei carboidrati.

Ciò che è importante capire è che non tutti i carboidrati hanno la stessa “efficienza del carburante”. Molti carboidrati – definiti “raffinati” o “semplici” – causano alti e bassi di zucchero nel sangue che possono tradursi in un periodo di alta energia seguito da un periodo di energia estremamente bassa, lasciando spesso la persona a desiderare di più dei semplici carboidrati a rilascio rapido.

Esempi di questi carboidrati “raffinati” sono pasta normale, pane bianco, snack e prodotti da forno. I piani di perdita di peso che raccomandano di mangiare meno o nessuno di questi alimenti sono sulla buona strada, tranne che tendono a buttare via anche i BUONI carboidrati. Chiameremo questi “carboidrati lenti”, ed ecco perché:

Dopo averli mangiati, i carboidrati negli alimenti vengono scomposti e rilasciati come unità di zucchero (glucosio) nel flusso sanguigno. I “carboidrati lenti” sono alimenti che rilasciano glucosio a una velocità inferiore.

In genere, questi alimenti sono “cibi integrali”; cioè contengono le fibre e i minerali che vengono spesso rimossi nel creare le loro raffinate controparti “a sgancio rapido”. (Tale è la differenza tra pane integrale e pane bianco.)

Scegliere “carboidrati lenti” piuttosto che carboidrati raffinati aiuta a mantenere equilibrato il livello di zucchero nel sangue (influenzando positivamente il livello di fame, l’umore e la concentrazione mentale, tra le altre cose). La fibra promuove anche la regolarità e aiuta a mantenere livelli sani di colesterolo e trigliceridi nel sangue.

Esempi di “carboidrati lenti” sono pane integrale e cracker, patate con la buccia, fagioli e legumi, riso integrale, avena e pasta integrale.

Ecco cinque suggerimenti per creare un’abitudine “slow carb”:

  1. Cibi integrali: mangia il più vicino possibile al naturale. Verdure, frutta, fagioli e lenticchie sono alimenti integrali che contengono tutti i loro nutrienti originali (fibre, vitamine, minerali e carboidrati per l’energia).
  2. Cereali e pane – Quando si tratta di prodotti a base di grano come pane, crackers, cereali e pasta, scegliere varietà “più scure” e integrali. Questo può essere fatto nei ristoranti e nei negozi di alimentari.
  3. Snacking – La frutta è uno spuntino eccellente. Consumare l’intero frutto fornisce i carboidrati a rilascio lento e sosterrà la tua energia più a lungo, al contrario del succo di frutta, che fornisce al corpo un rapido rilascio di zucchero della frutta nel flusso sanguigno. Un altro ottimo spuntino da provare sono i peperoni rossi affettati con hummus (a base di ceci).
  4. Prenditi il ​​tempo (ne vali la pena!) – Considerando che alcune delle opzioni di carboidrati lenti impiegano più tempo a cuocere (ad esempio, riso integrale contro riso bianco), preparale in anticipo e fai un extra per congelare in futuro pasti. Il riso integrale è molto versatile; provalo in zuppe, casseruole, verdure ripiene o per colazione (riscaldata) con cannella, uvetta, noci tritate o semi di lino macinati.
  5. Leggi le etichette – “Grano intero” (o altro grano intero) dovrebbe apparire prima di qualsiasi altra farina nella lista degli ingredienti. La farina bianca può essere mascherata da “farina di grano”, “farina arricchita”, “farina non sbiancata” o “farina di grano”, per citarne alcuni.

Lavorare per sostituire gli alimenti a “carboidrati lenti” nel tuo stile di vita ti assicurerà di avere energia in abbondanza, una corretta alimentazione e di mantenere un peso sano. Naturalmente è anche essenziale trovare alcuni modi per essere attivi e limitare al meglio gli snack ricchi di grassi e calorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *